Addolcitore per caldaia obbligatorio? Cosa prevede la normativa
Blog

BLOG

22 Gennaio 2024

Addolcitore per caldaia obbligatorio? Cosa prevede la normativa

Sapevi che esistono delle leggi che disciplinano l’installazione degli addolcitori per caldaie? Stiamo parlando della norma UNI 8065 e del DPR n. 59 del 2009.

Queste leggi, oltre a sottolineare l’importanza che ha un addolcitore per un impianto, vanno anche a identificare in quali contesti è obbligatorio installarli e i parametri da considerare sopra i quali gli addolcitori devono necessariamente essere applicati all’impianto.

In questo articolo Depurchem ti darà tutte le informazioni per avere un impianto a norma di legge e, soprattutto, efficiente.

La normativa sugli addolcitori per caldaia: cosa prevede nello specifico?

È sempre obbligatorio installare un addolcitore per la caldaia? Stando a quanto stabilito dal DPR n. 59 del 25/06/2009, la risposta a questa domanda è no, non è sempre obbligatorio.

Il testo della normativa prevede, infatti, l’obbligatorietà di dotare la propria caldaia di un addolcitore solo in caso di impianti di produzione di acqua calda sanitaria sopra i 100 KW e con durezza dell’acqua superiore ai 15 gradi francesi. Per gli impianti sotto i 100 KW, invece, l’obbligo è previsto solo quando la durezza dell’acqua è maggiore ai 25 gradi francesi.

Vi sono però degli obblighi che coinvolgono tutte le tipologie di impianti. Per adeguare la normativa italiana alla direttiva europea 2002/91/CE sul rendimento energetico in edilizia, il legislatore ha previsto l’obbligo di trattare chimicamente l’acqua. In questo modo il DPR 59 del 2009 e la norma UNI 8065 obbligano tutti gli impianti, anche quelli di potenza inferiore ai 100 KW, di essere dotati di un filtro e di un dosatore di polifosfati per proteggere la caldaia da sostanze e particelle potenzialmente dannose presenti nell’acqua.

Perché allora non installare un addolcitore anche in casa tua?

L’acqua contiene naturalmente sali e altre sostanze che, con il tempo, vanno a depositarsi nelle tubature, generando calcare. Proprio il calcare è l’elemento responsabile della durezza dell’acqua e di possibili danni non solo all’impianto, ma anche a tutti gli elettrodomestici che, per funzionare, utilizzano l’acqua, come ad esempio la lavastoviglie, la lavatrice, la caldaia, la macchinetta del caffè, la rubinetteria; senza dimenticare che gli impianti che presentano incrostazioni di calcare hanno un maggior dispendio energetico e, di conseguenza, costi più elevati.

L’addolcitore interviene proprio sulla durezza dell’acqua e quindi sui sali responsabili della formazione del calcare (in particolar modo carbonato di calcio e solfato di magnesio).

Cos’è l’addolcitore e come funziona

L’alta temperatura è un fattore che influisce notevolmente sulla presenza di sali nell’acqua. Infatti, all’aumentare del calore, aumenta anche la difficoltà di questi elementi di sciogliersi. Ecco perché installare un addolcitore per caldaia è uno step fortemente consigliato per il buon funzionamento di tutti gli impianti.

L’addolcitore è un dispositivo che interviene lavorando sugli ioni del calcio, sostituendoli con ioni di sodio: in questo modo si va quindi a diminuire la durezza dell’acqua.

Affinché l’addolcitore svolga la sua funzione e protegga l’impianto dal calcare, è fondamentale che venga installato a monte, vale a dire nel punto di ingresso dell’acqua.

Qual è la differenza fra gli addolcitori e i dosatori di polifosfato?

A differenza degli addolcitori, i dosatori di polifosfato vanno utilizzati solamente per gli impianti di produzione di acqua calda sanitaria. Come precedentemente accennato, infatti, il calore aumenta la presenza del calcare. I dosatori di polifosfato contengono polifosfati di sodio e di calcio che limitano i problemi causati dalla durezza dell’acqua. Gli addolcitori, invece, oltre a poter essere utilizzati sia nella produzione di acqua calda che fredda, intervengono sulla durezza dell’acqua, diminuendola e riducendo anche la presenza di sali responsabili della formazione del calcare.

Come è possibile intuire, l’addolcitore svolge una funzione più completa rispetto al dosatore di polifosfati, proteggendo in maniera più efficace l’impianto: intervenendo direttamente sulla durezza dell’acqua non limita il problema del calcare, ma interviene direttamente sulla causa.

Quali sono i vantaggi di un addolcitore

Installare un addolcitore per caldaia risulta una soluzione vantaggiosa per diversi motivi. Intervenire sulla durezza dell’acqua vuol dire adoperarsi per diminuire il calcare e avere un’acqua di qualità superiore, con benefici non indifferenti:

  • le tubature, la rubinetteria e la caldaia saranno protetti da incrostazioni e danni;
  • si riducono gli interventi e i costi di manutenzione dell’impianto;
  • si prolunga la vita degli elettrodomestici che per il loro funzionamento utilizzano l’acqua;
  • si rende più efficiente l’impianto in quanto tutto il calore utilizzato per scaldare l’acqua verrà assorbito da quest’ultima senza incontrare l’ostacolo del calcare;
  • diminuiscono i costi energetici del 25%.

In conclusione

Installare un addolcitore per caldaia è una scelta intelligente e fortemente consigliata anche in tutti i quei casi in cui la normativa non ne prevede l’obbligo. In questo modo è possibile intervenire sulla durezza dell’acqua e sul calcare per ottenere impianti efficienti e ben funzionanti anche nella tua abitazione.

Depurchem realizza addolcitori di alta gamma e innovativi, perfetti sia per impianti domestici che industriali. Un team di professionisti è in grado di fornire consulenze specializzate per individuare la tipologia più adatta di addolcitore in base all’impianto e al suo utilizzo. Contattaci per un preventivo gratuito: affidati a Depurchem per tutelare il tuo impianto!